10° Rally Colline di Romagna - 1980 - Rally Colline di Romagna 1971-1985

Privacy Policy
Vai ai contenuti

Menu principale:

10° Rally Colline di Romagna - 1980

Edizioni

Sabato 19 luglio - Domenica 20 luglio 1980 - E' storia di ieri, forse, cercandole con attenzione si possono ancora vedere le tracce sull'asfalto lasciate dal cerchione di Dario Cerrato, costretto al ritiro sin dalle prime battute. La Stratos di Tabaton vola sul tutto asfalto romagnolo e per le Opel sembra l'ennesima delusione dopo le beffe dell'Elba e del Ciocco. Ed invece il Colline di Romagna mostra la sua innata predisposizione per il battesimo del successo, è Tony, trentacinquenne di Valdobbiadene, a regalare il tanto atteso assoluto a Virgilio Conrero & C.,  Lucky, una volta tanto, può recriminare contro la sfortuna, come del resto anche Cunico, attardato da una foratura quando si trovava saldamente in seconda posizione. Bentivogli-Valbonetti si confermano tra i grandi, sono noni assoluti e secondi di gruppo preceduti dagli ufficiali Presotto e Sghedoni. Il Trofeo A112 sta intanto lanciando un nuovo giovane, Cinotto. Il biondino di lì a poco salterà in groppa all'Audi 4.

                                           *notizie tratte dall'opuscolo di presentazione della tredicesima edizione del rally


Percorso




Sabato 19 e domenica 20 luglio 1980, la Scuderia Arcangeli di Forlì organizza il 10° TROFEO DELLE COLLINE DI ROMAGNA – "TROFEO EXPANSION" - TROFEO CASSA DEI RISPARMI DI FORLI'.  La competizione, come si può vedere anche dal REGOLAMENTO, è valevole per il Campionato Italiano dei Rally Internazionali con coefficiente 3, per il Campionato Autobianchi Abarth A112 70HP (su percorso ridotto), per il Campionato Fiat 1980, per il Campionato Nazionale Peugeot 1980,
per il Trofeo Talbot Sumbeam, per il Campionato Triveneto, per il Campionato Emiliano Romagnolo Rallies, per la Mitropa Cup e anche per il Campionato sociale della Scuderia Arcangeli e il Campionato sociale della Scuderia San Marino. Per questa decima edizione del Colline di Romagna gli organizzatori, memori dell'esperienza della precedente edizione dove si erano riscontrate tante difficoltà ad imbastire una gara con prove sterrate, sono passati al tutto asfalto per evitare tutti i problemi per ottenere i permessi di transito sulle prove speciali. Confermato Castrocaro come punto di partenza e arrivo, la gara si sviluppava su un percorso di 2 giri da ripetersi 2 volte su un percorso totale di Km. 712.600 con 36 controlli orari, 22 prove speciali, 22 controlli stop, 3 parchi assistenza a Faenza, 3 riordinamenti e 8 controlli timbro.

Come si può notare dalla  CARTINA  il percorso si snodava attraversando le località collinari dell'entroterra forlivese arrivando fino in Toscana e transitando poi anche in provincia di Ravenna sostava con un parco assistenza nella bella Faenza.  Come si può vedere invece dalla TABELLA DELLE DISTANZE - TEMPI, la gara si sviluppava su due giri ripetuti per ciascuno dei due settori, il primo, doveva essere di 6 prove speciali ripetute (dodici in totale) tutte su asfalto ma poi a causa dell'annullamento della prova E-E1 si riduce a 5 (dieci in totale) era di 371 km dei quali 125 circa di P.S., ed era anche terreno di competizione per le A 112, mentre il secondo settore che comprendeva anche questo 5 prove speciali da ripetersi, pure queste tutte su asfalto, copriva una distanza di Km 341,600, per arrivare ad un totale di 712,600 di gara. Si iniziava il primo settore con partenza della prima vettura alle ore 14,01 di sabato 19 Luglio di fronte all'ingresso delle Terme di Castrocaro  per arrivare poi alle seguenti prove speciali:   P.S. A-A1  CASALE  (EXPANSION) di km. 8,700, ronde molto spettacolare che si svolge con partenza e arrivo a Modigliana con una prima parte il salita che comprende una serie di curve e un paio di tornanti con arrivo su un falso piano che, dopo l'inversione al bivio per Brisighella diviene veloce, per arrivare poi in un tornante a sinistra che annuncia l'arrivo di una veloce discesa fino al traguardo preceduto da un paio di tornanti.  P.S. B-B1 S. ILARIO  (CASSA RISPARMI FORLI') di km. 10,550,   prova speciale con una carreggiata abbastanza larga, dai circa  350 metri di quota della partenza si sale fino al passo del Carnevale a 6 km dallo start. Molto guidata con curve cieche per i primi 4 km diviene più veloce nei 2 km di falsopiano della parte centrale, dopo il passo del Carnevale ancora 4 km di Ps, larghi e veloci in discesa fino a Palazzuolo. P.S. C-C1 MONTE FAGGIOLA (FIAMM) di km. 15,550,  carreggiata stretta e nervosa per 9 chilometri fino al valico del Monte Faggiola  con alcuni ponti da superare. Poi  in discesa con carreggiata più larga e veloce fino all'abitato di Coniale, a 350 metri di quota. Il 12 luglio 1980 durante le ricognizioni del tratto finale di questa prova perì tragicamente  l'astro nascente Alberto Alberti.  P.S. D-D1  SASSO LEONE (SCUDERIA ARCANGELI) originariamente di km. 7,300 poi accorciata a 5,25 come indicato nel punto 2 della circolare informativa. Eliminata la parte finale in leggera discesa, rimangono 5,25 chilometri di salita guidata abbastanza larga.  P.S. E-E1 MONTE BATTAGLIA  (TERME DI CASTROCARO) di km. 12,300,  fondo molto scorrevole, con lunghi rettilinei e curve in appoggio intramezzate da ampi tornanti, sia nella parte in salita che in quella in discesa, inserita nella tabella tempi e nei radar viene poi annullata e percorsa solo in trasferimento perché ritenuta ( forse a ragione) molto pericolosa, pochi giorni prima della gara come si può vedere da questa CIRCOLARE di allora.  P.S. F-F1 ZATTAGLIA  (OPEL G.M.) di km. 14,700,  molto scorrevole la prima parte con curve a vista, ben definite, e ampi tornanti nella parte in discesa prima di Zattaglia, diviene sempre più stretta e impegnativa. Gli ultimi 2 km scendono a capofitto fino a Fognano con pendenze anche maggiori del 18 %.  Terminato il primo giro di dieci prove, e dopo il Parco Assistenza a Faenza e il riordino a Castrocaro Terme, si inizia il settore che comprende cinque prove speciali su asfalto da ripetersi due volte.  P.S. G-G1 MONTE DI RE  (EXPANSION) di km. 8,400,  prevale di stretta misura la discesa rispetto alla salita con la quale la prova inizia, anche qui troviamo una serie di tornanti inframmezzati da misti veloci, la discesa richiederà "staccate" da brivido.  P.S. H-H1 MONTE BUSCA  (CASSA RISPARMI FORLI') di km. 12,600, la più veloce di tutte, serie di curve piene interrotte da brevi rettilinei che spezzano il ritmo di guida, suddivisa a metà tra salita e discesa, quasi alla fine la famosa curva a destra con la collinetta stracolma di gente che si vede in tante foto,  termina con una curva alquanto aperta a sinistra seguita da un rettilineo sul quale è situato lo stop.  P.S. I-I1 S. MARIA IN CASTELLO  (FIAMM) di km. 9,600, parte in salita, dopo un chilometro presenta un paio di tornanti che immettono in un tratto di falso piano veloce per poi tornare a salire sino al bivio di S. Maria in Castello in cima, ci si immette poi in una strada in discesa con un primo tratto velocissimo che porta  ad un tornante veloce ed una serie di curve per arrivare in un falso piano meno veloce e molto tecnico con una serie di curve senza fine fino al traguardo.  P.S. L-L1 MONTE COLOMBO (TERME DI CASTROCARO) di km. 11,000, sale nella prima metà tutta da guidare, si arriva poi a due chilometri di tratto pianeggiante, quindi un'altra serie di saliscendi, terminando in un tratto dolce semi pianeggiante.  P.S M-M1 MONTE TREBBIO  (OPEL G.M.) di km. 11,850, sale vertiginosamente per poi attenuarsi con una serie di saliscendi e allunghi, poi stretta discesa con una media di "caduta" del 15%.





Cronaca



La prima edizione del rally tutto asfalto porta il pieno di iscritti, risulteranno iscritte 161 vetture,  verificate e partite 141, classificate 70. Mentre gli iscritti al Trofeo A 112 HP saranno 55, partiranno in 49 e arriveranno al traguardo in 35. Qui potete vedere l'ELENCO ISCRITTI come da volantino, e qui invece potete vedere l' ELENCO PARTENTI UFFICIALE e qui l' ELENCO PARTENTI UFFICIALE PER CLASSI . Per quello che riguarda il Trofeo A112 HP potete vedere qui l' ELENCO ISCRITTI come da volantino e qui l' ELENCO PARTENTI UFFICIALE .


LA PRIMA VOLTA DELL' ASCONA 400 .....
TONY FA SUO IL "COLLINE"



Castrocaro – La Scuderia Arcangeli, organizzatrice del rally, ha dovuto abbandonare la formula delle due tappe: una asfaltata e una sterrata. Ciò causato dagli elevati costi di ripristino delle strade sterrate interessate dal passaggio della manifestazione. I concorrenti però sembra abbiano apprezzato molto questo cambiamento; pieno di iscritti e la certezza che tutti i migliori piloti del Campionato Italiano saranno alla partenza da Castrocaro. Questa situazione è servita in parte a mitigare la delusione per aver dovuto abbandonare gli splendidi sterrati romagnoli che avevano fatto la storia del Colline per le prime 9 edizioni. La concomitanza della validità della gara anche per la Mitropa Cup ha anche portato un discreto numero di concorrenti stranieri e anche questo non è un risultato da poco. Con le premesse di una gara "tirata" da parte dei vari pretendenti al titolo di Campione Italiano della specialità e dopo il forte acquazzone dell'antivigilia, prendeva il via sotto un sole cocente, il 10° Rally Colline di Romagna.

Alle ore 14,01' di sabato 19 luglio le 141 vetture verificate, seguite dalle 49 partecipanti al trofeo A 112 70HP, partono per il primo giro del primo settore.  

Prima Prova:  P.S. A   CASALE   km 8,70   ore 14,38'

PAS  PGR  N° EQUIPAGGIO                  AUTO                      GR CL    PS 1          GAP PS
1        1     1   «Tony» - «Rudy»            Opel Ascona 400    4   3   00.05.35     00.00.00
2        2     9   Ceccato - De Antoni         Fiat 131 Abarth     4   2    00.05.42    00.00.07
2        3    11  Tabaton - Radaelli           Lancia Stratos       4   3    00.05.42     00.00.07
3        4    27  Simontacchi - Genovesi  Lancia Stratos       4   3    00.05.43     00.00.08
4        5    10  Tognana - Cresto             Fiat 131 Abarth     4   2    00.05.46     00.00.11
5       6     2    Vudafieri - Penariol         Fiat 131 Abarth     4   2    00.05.47     00.00.12
6       7     3   «Lucky» - Pons                 Fiat 131 Abarth     4   2    00.05.48     00.00.13
6       8     7   Cunico - Meggiolan           Lancia Stratos.      4   3    00.05.48     00.00.13
7       9    42  «Sam» - Pirollo                 Porsche 911 SC     4   3    00.05.53     00.00.18

7     10    8    Pantaleoni - Tedeschini    Porsche                 4   3    00.05.53     00.00.18
“Tony” parte bene e riesce a fare il miglior tempo davanti a un brillante Ceccato e a due Lancia Stratos. Partenza da dimenticare invece per Cerrato-Guizzardi con la Opel Ascona 400 che si ritrovano con la gomma posteriore destra forata già alla seconda curva. Percorrono così tutta la prova e arrivano a fine prova quasi senza cerchio, con la Ford Escort di Presotto-Sghedoni incollata ai tubi di scarico. Con un tempo di 7'07” finiscono in 98° posizione con 1'32" di ritardo.  Tantissimi problemi per i " non Opel " a causa delle gomme che non tengono e per i freni che si scaldano troppo. Tognana si gira in un tornante. Problemi anche per i "Porschisti" Pantaleoni - Tedeschini, "Sam"-Pirollo e Cuccirelli-Giubilei. Si rompe la cinghia della pompa dell'acqua sulla Opel di Biasion – Siviero, con conseguente riscaldamento del motore. Tra i ritirati Pescarin-Fabro con l'Ascona Gr.2.

Seconda Prova:  P.S. B  S. ILARIO    km 10,55   ore 15,21
P AS P GR  N°  EQUIPAGGIO                AUTO                       GR CL   PS 2          GAP
1       1       4    Cerrato - Guizzardi        Opel Ascona. 400   4    3   00.07.05    00.00.00
2       2       1    «Tony» - «Rudy»          Opel Ascona 400    4    3   00.07.09    00.00.04
3       3       7    Cunico - Meggiolan        Lancia Stratos.      4    3   00.07.11    00.00.06
4       4     11    Tabaton - Radaelli          Lancia Stratos       4    3   00.07.14    00.00.09
5       5     10    Tognana - Cresto            Fiat 131 Abarth     4    2   00.07.15    00.00.10
6       6       3    «Lucky» - Pons               Fiat 131 Abarth     4    2   00.07.20    00.00.15
7       7       2    Vudafieri - Penariol         Fiat 131 Abarth    4    2   00.07.21    00.00.16
8       8     42    «Sam» - Pirollo               Porsche 911 SC     4    3   00.07.23    00.00.18
9       9     38    Biasuzzi - Bonenti           Lancia Stratos       4    3   00.07.25    00.00.20
9      10    27    Simontacchi - Genovesi  Lancia Stratos       4    3   00.07.25    00.00.20

Cerrato dopo la disavventura della prima prova si riscatta subito vincendo davanti al compagno di marca "Tony". Ottima anche la prova di Cunico che riesce a sfruttare al meglio la sua Stratos. Fermi Pantaleoni – Tedeschini con la Porsche 911SC a causa della rottura del cavo dell' acceleratore.

Terza Prova: P.S. C  MONTE FAGGIOLA
  km 15,55  ore 15,45  

P AS P GR  N° EQUIPAGGIO                   AUTO                     GR CL     PS3          GAP
1       1       4   Cerrato - Guizzardi          Opel Ascona. 400  4    3    00.11.05   00.00.00
2       2     11   Tabaton - Radaelli           Lancia Stratos       4    3    00.11.07   00.00.02
3       3       1   «Tony» - «Rudy»            Opel Ascona 400   4    3    00.11.09   00.00.04
4       4     10   Tognana - Cresto             Fiat 131 Abarth     4    2    00.11.16   00.00.11
4       5       9   Ceccato - De Antoni         Fiat 131 Abarth     4    2    00.11.16   00.00.11
5       6       7   Cunico - Meggiolan          Lancia Stratos.      4    3    00.11.17   00.00.12
6       7       3   «Lucky» - Pons                Fiat 131 Abarth     4    2    00.11.19   00.00.14
7       8     42   «Sam» - Pirollo                Porsche 911 SC     4    3    00.11.29   00.00.24
7       9     27   Simontacchi - Genovesi  Lancia Stratos        4    3    00.11.29   00.00.24

8     10       2   Vudafieri - Penariol         Fiat 131 Abarth      4    2    00.11.30   00.00.25  
Ancora miglior tempo per Cerrato davanti a Tabaton e "Tony". Questa è la conferma che la sua auto pur avendo riportato qualche danno al ponte posteriore sulla 1° Ps, si comporta egregiamente. Ed al resto ci pensa il suo piede ...... . "Tony" conduce ora con 10” su Tabaton. Battaglia tra Cunico e Tognana a 23” e 24” e  Ceccato e Lucky a 33” e 34”. In gruppo 2 conducono Noberasco - Renna seguiti a 4” da Carrotta – Amara. In gruppo 1 Presotto - Sghedoni davanti a Bentivogli – Valbonetti di 15".

Quarta Prova: P.S. D  SASSO LEONE km 5,25   ore 16,23
P AS P GR  N°  EQUIPAGGIO                   AUTO                      GR CL     PS 4           GAP
1       1       4    Cerrato - Guizzardi         Opel Ascona. 400    4    3    00.03.39   00.00.00
2       2       1    «Tony» - «Rudy»           Opel Ascona 400     4    3    00.03.40   00.00.01
3       3      11   Tabaton - Radaelli          Lancia Stratos         4    3    00.03.41   00.00.02
4       4       3    «Lucky» - Pons               Fiat 131 Abarth       4    2    00.03.42   00.00.03
5       5      10   Tognana - Cresto            Fiat 131 Abarth       4    2    00.03.43   00.00.04
5       6       9    Ceccato - De Antoni        Fiat 131 Abarth       4    2    00.03.43   00.00.04
5       7       7    Cunico - Meggiolan         Lancia Stratos.        4    3    00.03.43   00.00.04
5       8     27   Simontacchi - Genovesi   Lancia Stratos         4    3    00.03.43   00.00.04
5       9      2    Vudafieri - Penariol          Fiat 131 Abarth       4    2    00.03.43   00.00.04
6      10    38   Biasuzzi - Bonenti            Lancia Stratos         4    3    00.03.48   00.00.09

Prova molto corta che non modifica la classifica. Continua il forcing di Cerrato con "Tony" e Tabaton molto vicini. Solo ”Lucky”-Pons si portano a pari tempo con Ceccato in classifica generale. Vudafieri nel quintetto di concorrenti a pari tempo non riesce a risolvere i suoi problemi all'alimentazione della 131 Abarth.
Si percorre in trasferimento la P.S. E esclusa come precedentemente indicato.

Quinta Prova: P.S. F  ZATTAGLIA  km 14,7   ore 17,18

P AS P GR  N°  EQUIPAGGIO                   AUTO                      GR CL     PS 5             GAP
1       1      11   Tabaton - Radaelli           Lancia Stratos        4    3    00.09.57   00.00.00
2       2       1    «Tony» - «Rudy»            Opel Ascona 400    4    3    00.09.58   00.00.01
3       3       7    Cunico - Meggiolan          Lancia Stratos.      4    3    00.10.00   00.00.03
4       4       4    Cerrato - Guizzardi          Opel Ascona. 400   4    3    00.10.03   00.00.06
5       5       3    «Lucky» - Pons                Fiat 131 Abarth      4    2    00.10.13   00.00.16
5       6       2    Vudafieri - Penariol         Fiat 131 Abarth      4    2    00.10.13   00.00.16
6       7       9    Ceccato - De Antoni         Fiat 131 Abarth     4    2    00.10.16   00.00.19
7       8      27   Simontacchi - Genovesi  Lancia Stratos        4    3    00.10.20   00.00.23
8       9      38   Biasuzzi - Bonenti           Lancia Stratos        4    3    00.10.26   00.00.29

9      10     39   Gabriel - Fabion              Ferrari 308              4    3    00.10.28   00.00.31
Distacchi ancora minimi tra Tabaton che vince la prova e ”Tony”, Cunico e Cerrato tutti racchiusi in 6” sui quasi 15 km della PS di Zattaglia. Più distaccati Vudafieri e “Lucky”. Noberasco modifica il retro della sua Ascona. Polato – Gottardo con la Fiat 126 alimentata ad alcool, cappottano 2 volte; la prima in salita a 5 km da fine prova e la seconda 2 km dopo, in discesa , con conseguente principio d'incendio. Si ritirano al termine della prova insieme all'equipaggio Cuccirelli – Giubilei che a causa di vari problemi non aveva mai brillato troppo con la Porsche 928T .
Al parco assistenza, organizzato in modo superbo nella zona fieristica di Faenza, tanti concorrenti cercano di porre rimedio ai vari problemi nei 25 minuti a disposizione. Agli uomini di Conrero sono sufficienti però solo 14 minuti (quattordici !!!) per sostituire il ponte posteriore sulla Ascona di Cerrato. Si ritira Speranza con l'albero a camme rotto.

Classifica al termine del primo settore di 5 Ps

P AS P GR  N°   EQUIPAGGIO                  AUTO                      GR  CL    dopo PS5     GAP
1       1       1     «Tony» - «Rudy»           Opel Ascona 400    4    3    00.37.31   00.00.00
2       2      11    Tabaton - Radaelli          Lancia Stratos        4    3    00.37.41   00.00.10
3       3       7     Cunico - Meggiolan         Lancia Stratos.       4    3   00.37.59   00.00.28
4       4       3     «Lucky» - Pons               Fiat 131 Abarth      4    2    00.38.22   00.00.51
5       5       9     Ceccato - De Antoni        Fiat 131 Abarth      4    2    00.38.25   00.00.54
6       6      10    Tognana - Cresto            Fiat 131 Abarth      4    2    00.38.30   00.00.59
7       7       2     Vudafieri - Penariol         Fiat 131 Abarth      4    2    00.38.34   00.01.03
8       8      27    Simontacchi - Genovesi  Lancia Stratos        4    3    00.38.40   00.01.09
9       9       4     Cerrato - Guizzardi         Opel Ascona. 400    4    3    00.38.59   00.01.28
10    10    38    Biasuzzi - Bonenti            Lancia Stratos        4    3    00.39.21   00.01.50
11    11    42    «Sam» - Pirollo                Porsche 911 SC      4    3    00.39.25   00.01.54
12     1     19    Carrotta - Amara              Opel Ascona           2    4    00.39.42   00.02.11
13    12    39    Gabriel - Fabion               Ferrari 308              4    3    00.39.51   00.02.20
14     2     16    Noberasco - Renna          Opel Ascona            2    5    00.39.53   00.02.22
15     3     21    Biasion - Siviero               Opel Ascona            2    4    00.40.22   00.02.51

I concorrenti ritornano a Castrocaro per il primo Riordino.  La classifica vede "Tony" in testa seguito a 10" da Tabaton. 3° Cunico a 28", poi Lucky, Ceccato, Tognana e Vudafieri racchiusi in 12". Cerrato è riuscito a portarsi in 9° posizione, guadagnando ben 89 posizioni dopo la foratura sulla 1° Ps. In Gruppo 2 Carrotta ha un margine di soli 11" su Noberasco. Terzo Biasion a 40". In Gruppo 1 Presotto comanda la gara seguito a 28" da Bentivogli. A  48" Boretti.


Alle 19,25 il primo equipaggio lascia il riordino per la ripetizione delle prime cinque prove del primo settore.

Sesta Prova: P.S. A1 CASALE  km 8,70   ore 19,47

P AS P GR  N°  EQUIPAGGIO                   AUTO                     GR  CL     PS 06           GAP
1       1       7     Cunico - Meggiolan         Lancia Stratos        4     3    00.05.38   00.00.00
1       2      11    Tabaton - Radaelli          Lancia Stratos         4    3    00.05.38   00.00.00
2       3       1     «Tony» - «Rudy»           Opel Ascona 400     4    3    00.05.39   00.00.01
3       4       3     «Lucky» - Pons               Fiat 131 Abarth       4    2    00.05.41   00.00.03
4       5      10   Tognana - Cresto             Fiat 131 Abarth       4    2    00.05.42   00.00.04
5       6       9    Ceccato - De Antoni         Fiat 131 Abarth       4    2    00.05.43   00.00.05
6       7      27   Simontacchi - Genovesi   Lancia Stratos         4    3    00.05.47   00.00.09
7       8      42   «Sam» - Pirollo               Porsche 911 SC        4    3    00.05.50   00.00.12
8       9       4    Cerrato - Guizzardi          Opel Ascona. 400     4    3    00.05.55   00.00.17
9      10      2    Vudafieri - Penariol         Fiat 131 Abarth        4    2    00.05.56   00.00.18

Si scatenano le Stratos in questo secondo passaggio a Casale : Tabaton e Cunico fanno pari tempo. "Tony" si difende bene prendendo solo 1", ma peggiorando di 4" il suo tempo rispetto al passaggio precedete. Si ferma Cane con l'autobloccante rotto sulla sua Ascona.

 
Settima Prova: P.S. B1   S. ILARIO   km 10,55   ore 20,30

P AS  P GR  N°  EQUIPAGGIO                  AUTO                      GR  CL    PS 07             GAP
1       1       11   Tabaton - Radaelli          Lancia Stratos        4     3   00.07.03   00.00.00
2       2        1    «Tony» - «Rudy»            Opel Ascona 400    4     3   00.07.08   00.00.05
3       3        7    Cunico - Meggiolan          Lancia Stratos       4     3   00.07.11   00.00.08
4       4       10   Tognana - Cresto             Fiat 131 Abarth     4     2   00.07.16   00.00.13
5       5        3    «Lucky» - Pons                Fiat 131 Abarth     4     2   00.07.17   00.00.14
5       6        2    Vudafieri - Penariol          Fiat 131 Abarth     4     2   00.07.17   00.00.14
6       7        9    Ceccato - De Antoni         Fiat 131 Abarth     4     2   00.07.20   00.00.17
6       8        4    Cerrato - Guizzardi          Opel Ascona. 400   4     3   00.07.20   00.00.17
7       9       42   «Sam» - Pirollo                Porsche 911 SC     4     3   00.07.23   00.00.20
8      10      27   Simontacchi - Genovesi   Lancia Stratos       4     3   00.07.28   00.00.25

Tabaton piazza un gran tempo aggiudicandosi anche questa prova e abbassando di 11" il tempo fatto registrare sul passaggio precedente. Segue "Tony" a 5" che però migliora solo di 1" rispetto al passaggio precedente. Nella discesa della speciale tornano i problemi per Cerrato che rimane senza freni e dovrà usare il freno motore per finire la prova. E' l'ultima prova che i primi equipaggi percorrono senza l'ausilio dei fari.

Ottava Prova: P.S. C1   MONTE FAGGIOLA  km 15,55   ore 20,54

P AS  P GR  N°  EQUIPAGGIO                   AUTO                     GR  CL     PS 08           GAP
1       1      11    Tabaton - Radaelli          Lancia Stratos        4     3   00.11.10   00.00.00
2       2       3     «Lucky» - Pons               Fiat 131 Abarth      4     2   00.11.11   00.00.01
3       3       1     «Tony» - «Rudy»            Opel Ascona 400    4     3   00.11.16   00.00.06
4       4       9     Ceccato - De Antoni         Fiat 131 Abarth     4     2   00.11.27   00.00.17
5       5       2     Vudafieri - Penariol          Fiat 131 Abarth     4     2   00.11.29   00.00.19
6       6       7     Cunico - Meggiolan          Lancia Stratos       4     3   00.11.39   00.00.29
7       7      27    Simontacchi - Genovesi   Lancia Stratos       4     3   00.11.44   00.00.34
8       8      42    «Sam» - Pirollo                Porsche 911 SC     4     3   00.11.46   00.00.36
9       1      18    Capone -  Maran               Fiat Ritmo             2     4   00.11.51   00.00.41
10     2      19    Carrotta - Amara              Opel Ascona          2     4   00.11.53   00.00.43

Cala la notte sul rally, perciò i tempi in P.S. iniziano ad alzarsi anche se con il diminuire delle temperature dovrebbero sparire i problemi di gomme lamentati da molti. Vincendo anche questa prova Tabaton passa  in testa alla gara con 1" su "Tony" a cui ha rifilato 6" su questa prova. Solo Lucky riesce a contenere il distacco a 1"dal leader. Alle spalle di Tony,  Ceccato e Vudafieri con distacchi consistenti. In questa prova finisce il calvario di Cerrato per un problema elettrico causato da un filo a massa.  Era riuscito a risalire fino in 9° posizione. Sul  finale di questa prova, durante le ricognizioni era perito tragicamente l'astro nascente Alberto Alberti, andando a sbattere violentemente dal lato guida contro un albero.

Nona Prova: P.S. D1   SASSO LEONE    km 5,25   ore 21,32

P AS  P GR  N°  EQUIPAGGIO                  AUTO                      GR  CL     PS 09          GAP
1       1      11    Tabaton - Radaelli          Lancia Stratos        4     3   00.03.41   00.00.00
2       2       1     «Tony» - «Rudy»           Opel Ascona 400    4     3   00.03.42   00.00.01
3       3       3     «Lucky» - Pons               Fiat 131 Abarth      4     2   00.03.43   00.00.02
4       4       7     Cunico - Meggiolan         Lancia Stratos.       4     3   00.03.44   00.00.03
5       5       2     Vudafieri - Penariol         Fiat 131 Abarth      4     2   00.03.46   00.00.05
6       6      10    Tognana - Cresto            Fiat 131 Abarth       4     2   00.03.47   00.00.06
7       7      42    «Sam» - Pirollo               Porsche 911 SC       4     3   00.03.50   00.00.09
8       8       9     Ceccato - De Antoni        Fiat 131 Abarth       4     2   00.03.51   00.00.10
9       9      27    Simontacchi - Genovesi   Lancia Sratos         4     3   00.03.53   00.00.12
10    10    38     Biasuzzi - Bonenti           Lancia Stratos         4     3   00.03.56   00.00.15

Tabaton sembra non volere arrestare la sua marcia trionfale vincendo la sua 4° Ps di seguito.  Il suo vantaggio in classifica assoluta però è solo di 3" su "Tony" che si dice penalizzato dal peso superiore della sua Ascona rispetto alla Stratos. Sempre vicini ai primi due, Cunico e "Lucky".

Decima Prova: P.S.  F1 ZATTAGLIA  km 14,7  ore 22,27

P AS  P GR  N°  EQUIPAGGIO                  AUTO                      GR  CL    PS 10          GAP
1       1      11    Tabaton - Radaelli          Lancia Stratos        4     3   00.09.59   00.00.00
2       2       7     Cunico - Meggiolan         Lancia Stratos        4     3   00.10.01   00.00.02
3       3       1     «Tony» - «Rudy»            Opel Ascona 400    4     3   00.10.05   00.00.06
4       4       3     «Lucky» - Pons                Fiat 131 Abarth      4     2   00.10.13   00.00.14
5       5      10    Tognana - Cresto             Fiat 131 Abarth      4     2   00.10.18   00.00.19
6       6      42    «Sam» - Pirollo                Porsche 911 SC      4     3   00.10.31   00.00.32
7       7       9     Ceccato - De Antoni         Fiat 131 Abarth      4     2   00.10.35   00.00.36
8       8      27    Simontacchi - Genovesi   Lancia Stratos        4     3   00.10.45   00.00.46
9       1      21    Biasion - Siviero               Opel Ascona            2     4   00.10.46   00.00.47
10     9      38    Biasuzzi - Bonenti             Lancia Stratos        4     3   00.10.48   00.00.49
Con questa speciale che vede  Tabaton davanti a tutti termina il primo settore. Dopo il parco assistenza di Faenza delle 23.10, si rientra a Castrocaro Terme per il 2° riordino.


Questa la classifica provvisoria dopo le prime 10 prove per 109,5 Km di prove speciali:


P AS  P GR  N°  EQUIPAGGIO                   AUTO                     GR  CL     dopo PS10   GAP
1       1      11    Tabaton - Radaelli          Lancia Stratos         4    3   01.15.12   00.00.00
2       2       1      «Tony» - «Rudy»           Opel Ascona 400    4    3   01.15.21   00.00.09
3       3       7      Cunico - Meggiolan         Lancia Stratos.      4     3   01.16.12   00.01.00
4       4       3      «Lucky» - Pons               Fiat 131 Abarth     4     2   01.16.27   00.01.15
5       5       9      Ceccato - De Antoni        Fiat 131 Abarth     4     2   01.17.21   00.02.09
6       6      10     Tognana - Cresto            Fiat 131 Abarth     4     2   01.17.34   00.02.22
7       7      27     Simontacchi - Genovesi   Lancia Stratos      4     3   01.18.17   00.03.05
8       8      42     «Sam» - Pirollo               Porsche 911 SC     4     3   01.18.45   00.03.33
9       9      38     Biasuzzi - Bonenti           Lancia Stratos       4     3   01.19.30   00.04.18
10     1      19     Carrotta - Amara             Opel Ascona          2     4   01.19.58   00.04.46
11     2      21     Biasion - Siviero              Opel Ascona          2     4   01.20.50   00.05.38
12     1       6      Presotto - Sghedoni        Ford Escort RS      1     5   01.21.35   00.06.23
13    10     39     Gabriel - Fabion               Ferrari 308            4     3   01.21.46   00.06.34
14     3      18     Capone -  Maran              Fiat Ritmo              2     4   01.22.13   00.07.01
15     4      14     Pasutti - Danelutti           Opel Kadett GTE    2     5   01.22.14   00.07.02
16     5     106    Ambrogetti - Colombo     Fiat Ritmo 75S      2     4   01.22.32   00.07.20
17     2      80     Bentivogli - Valbonetti     Ford Escort           1     5   01.23.03   00.07.51
18     3      15     Zordan - Dalla Benetta     Opel Kadett GTE   1     5   01.23.41   00.08.29
19    11     43     Bernocchi - Chitarin          Opel Ascona 400  4     3   01.23.59   00.08.47
20     4       92    Boretti - Chiti                     Ford Escort           1     5   01.24.00   00.08.48

Tabaton allunga a 9" il margine su Tony. Cunico è 3° ad un minuto netto. Non si vede più Vudafieri costretto definitivamente ad arrendersi mentre era in 6° posizione assoluta, perché al motore della sua 131 non arriva più benzina. Ritirati anche  Noberasco - Renna con la Ascona (erano 12° assoluti e 2° di gruppo) che arrivando in ritardo al Co di inizio prova  situato in discesa all'ingresso del ponte sul fiume Senio, si ritrovano quasi senza freni e dopo aver rischiato di travolgere il tavolo dei cronometristi, si appoggiano alla spalletta del ponte. Carotta conduce in gruppo 2 tallonato ora da Biasion  in rimonta a 52" che ha rilevato la posizione di Noberasco. Presotto con la Ford ufficiale comanda in gruppo 1 seguito  dal privatissimo Bentivogli a 1'28".

Alle 00.19 "Tony"e "Rudy" partono da Castrocaro per il secondo settore di gara che comprende altre cinque prove da ripetere due volte.


Undicesima Prova:  P.S. G   MONTE DI RE   km. 8,400    ore 01,02

P AS  P GR  N°  EQUIPAGGIO                  AUTO                      GR  CL    PS 11           GAP
1       1      11    Tabaton - Radaelli          Lancia Stratos        4    3   00.05.29   00.00.00
2       2       1     «Tony» - «Rudy»            Opel Ascona 400    4    3   00.05.32   00.00.03
2       3       7     Cunico - Meggiolan          Lancia Stratos       4    3   00.05.32   00.00.03
3       4       3     «Lucky» - Pons                Fiat 131 Abarth      4    2   00.05.35   00.00.06
4       5      10    Tognana - Cresto             Fiat 131 Abarth      4    2   00.05.36   00.00.07
5       6       9     Ceccato - De Antoni         Fiat 131 Abarth      4    2   00.05.43   00.00.14
6       7      42    «Sam» - Pirollo                Porsche 911 SC      4    3   00.05.47   00.00.18
7       8      27    Simontacchi - Genovesi   Lancia Stratos        4    3   00.05.49   00.00.20
8       1      21    Biasion - Siviero               Opel Ascona            2    4   00.05.52   00.00.23
9       9      38    Biasuzzi - Bonenti            Lancia Stratos         4    3   00.05.54   00.00.25
10     1       6     Presotto - Sghedoni         Ford Escort RS         1    5   00.05.57   00.00.28

Sulla prima prova del secondo settore la musica non cambia: quella che si sente maggiormente è quella del motore Ferrari della Stratos di Tabaton che inizia questo settore così come ha finito l'altro, lasciandosi alle spalle "Tony" e Cunico, a pari tempo. Si ritira Capone 14° assoluto, con la guarnizione della testa del motore della Ritmo ko. Era risalito in 3° posizione di gruppo 2 dopo il ritiro di Noberasco. Biasion attacca la leadership di Carrotta rifilandogli 6”.


Dodicesima Prova:  P.S. H   MONTE BUSCA    km12,600   ore 1,29

P AS  P GR  N°  EQUIPAGGIO                   AUTO                     GR  CL    PS 12            GAP
1       1      11    Tabaton - Radaelli          Lancia Stratos        4     3   00.08.36   00.00.00
2       2       1     «Tony» - «Rudy»           Opel Ascona 400     4     3   00.08.41   00.00.05
3       3      10    Tognana - Cresto            Fiat 131 Abarth       4     2   00.08.45   00.00.09
4       4       7     Cunico - Meggiolan         Lancia Stratos.        4     3   00.08.47   00.00.11
5       5       3    «Lucky» - Pons                Fiat 131 Abarth       4     2   00.08.53   00.00.17
6       6      42   «Sam» - Pirollo                Porsche 911 SC       4     3   00.09.00   00.00.24
7       7       9    Ceccato - De Antoni         Fiat 131 Abarth       4     2   00.09.03   00.00.27
8       8      27   Simontacchi - Genovesi   Lancia Stratos         4     3   00.09.06   00.00.30
9       1      21   Biasion - Siviero              Opel Ascona             2     4   00.09.09   00.00.33
10     2      19   Carrotta - Amara             Opel Ascona             2     4   00.09.14   00.00.38

E' sempre Tabaton il mattatore anche in questa bellissima e veloce prova portando il suo vantaggio nella provvisoria a 17" su un "Tony" sempre secondo, con sempre i soliti dietro che si scambiano le posizioni. Biasion guadagna altri 5 secondi su Carrotta.

Tredicesima Prova:  P.S. I   S. MARIA IN CASTELLO    km. 9,600   ore 1,53

P AS  P GR  N°  EQUIPAGGIO                  AUTO                      GR  CL     PS 13          GAP
1       1       1     «Tony» - «Rudy»           Opel Ascona 400     4     3   00.07.04   00.00.00
2       2      11    Tabaton - Radaelli          Lancia Stratos         4     3   00.07.07   00.00.03
3       3       3     «Lucky» - Pons               Fiat 131 Abarth       4     2   00.07.09   00.00.05
4       4      10    Tognana - Cresto            Fiat 131 Abarth       4     2   00.07.10   00.00.06
5       5       7     Cunico - Meggiolan         Lancia Stratos         4     3   00.07.15   00.00.11
6       6       9     Ceccato - De Antoni        Fiat 131 Abarth       4     2   00.07.22   00.00.18
6       7      42    «Sam» - Pirollo               Porsche 911 SC       4     3   00.07.22   00.00.18
7       8      27    Simontacchi - Genovesi   Lancia Stratos        4     3   00.07.31   00.00.27
8       1      21    Biasion - Siviero              Opel Ascona             2     4   00.07.34   00.00.30
9       2      19    Carrotta - Amara             Opel Ascona             2     4   00.07.46   00.00.42

Purtroppo finisce qui la bella prova di Tabaton - Radaelli beffati in trasferimento dalla rottura irreparabile alla sospensione posteriore sinistra. Riesce a raggiungere l'assistenza a Rocca S.Casciano, ma nulla si può fare sulla sua bella Stratos "Olio Fiat". Una soluzione che lascia l'amaro in bocca dopo aver visto quello che il campione Genovese era riuscito a fare fino a questo momento. Ceccato 6°, è stato consigliato dal suo DS di non andare troppo forte e pensare al risultato in chiave Mitropa Cup. Altri 12 secondi guadagnati da Biasion alle spese di Carrotta.

Quattordicesima Prova:  P.S. L   MONTE COLOMBO   km. 11,000   ore 02,20

P AS  P GR  N°  EQUIPAGGIO                   AUTO                     GR  CL     PS 14           GAP
1       1       1     Cunico - Meggiolan         Lancia Stratos       4      3   00.08.11   00.00.00
2       2       3     «Tony» - «Rudy»            Opel Ascona 400   4      3   00.08.13   00.00.02
2       3      10    Tognana - Cresto             Fiat 131 Abarth     4      2   00.08.13   00.00.02
3       4       9     «Lucky» - Pons                Fiat 131 Abarth     4      2   00.08.17   00.00.06
4       5      42    Ceccato - De Antoni         Fiat 131 Abarth     4      2   00.08.19   00.00.08
5       6       7     «Sam» - Pirollo                Porsche 911 SC      4      3   00.08.33   00.00.22
6       1      38    Carrotta - Amara              Opel Ascona           2      4   00.08.39   00.00.28
7       7       6     Biasuzzi - Bonenti             Lancia Stratos       4      3   00.08.49   00.00.38
8       1      80    Presotto - Sghedoni          Ford Escort RS      1      5   00.08.54   00.00.43
9       2      39    Bentivogli - Valbonetti      Ford Escort           1      5   00.08.56   00.00.45
10     3      92    Raggi - Ghigi                      Opel Kadett          1      5   00.09.01   00.00.50

Cunico vince la prova davanti a "Tony", evidentemente più tranquillo, dopo aver visto il ritiro di Tabaton. Si ritirano Simontacchi - Genovesi con la Stratos (erano 7° assoluti) appiedati definitivamente dal cambio. Rivoluzione nel gruppo 2:  Ambrogetti - Colombo (14° assoluti 4° di gruppo) si ritirano con la Ritmo 75 stampata su un guardrail; Pasutti - Danielutti (13° assoluti 3° di gruppo) escono con l'ultimo tempo assoluto e scivolano in 51° posizione; Biasion – Siviero, artefici di una grande rimonta, dopo essere arrivati a soli 29" da Carrotta (11° assoluti 2° di gruppo) escono anche loro con un tempo altissimo di 19'06" scivolando in 28° posizione assoluta. Balzano così in 2° posizione di gruppo gli increduli sammarinesi Ercolani - Zafferani.

Quindicesima Prova:  P.S. M   MONTE TREBBIO    km. 11,850   ore 03,06

P AS  P GR  N°  EQUIPAGGIO                  AUTO                       GR  CL    PS 15           GAP
1       1      3     «Lucky» - Pons               Fiat 131 Abarth       4     2   00.07.37   00.00.00
2       2      7     Cunico - Meggiolan         Lancia Stratos         4     3   00.07.41   00.00.04
3       3      1     «Tony» - «Rudy»           Opel Ascona 400     4     3   00.07.44   00.00.07
4       4     10    Tognana - Cresto            Fiat 131 Abarth       4     2   00.07.46   00.00.09
5       5     42    «Sam» - Pirollo               Porsche 911 SC       4     3   00.07.54   00.00.17
6       1     21    Biasion - Siviero              Opel Ascona            2     4   00.08.00   00.00.23
7       6     38    Biasuzzi - Bonenti           Lancia Stratos         4     3   00.08.03   00.00.26
8       1      6     Presotto - Sghedoni        Ford Escort RS         1     5   00.08.22   00.00.45
9       2     80    Bentivogli - Valbonetti    Ford Escort              1     5   00.08.28   00.00.51
10     7     39    Gabriel - Fabion               Ferrari 308              4     3   00.08.31   00.00.54

"Lucky" vince l'ultima prova del primo giro del secondo settore distanziando di 4" Cunico che riesce ancora una volta a stare davanti a "Tony" di 3". Biasion rientra in gara rifilando ben 33" a Carrotta il quale molto saggiamente può permettersi di non forzare avendo un margine di ben 6' 19" sui sammarinesi Ercolani - Zafferani. Presotto è saldamente in testa al gruppo 1 seguito ad una distanza di sicurezza da Bentivogli e Zordan.

Questa la classifica provvisoria dei primi 20 equipaggi dopo il primo giro del secondo settore e 162,95 Km di prove speciali:


P AS  P GR  N°  EQUIPAGGIO                  AUTO                      GR  CL     PS 16           GAP
1       1       1     «Tony» - «Rudy»           Opel Ascona 400     4     3   01.52.35   00.00.00
2       2       7     Cunico - Meggiolan         Lancia Stratos        4     3   01.53.38   00.01.03
3       3       3     «Lucky» - Pons               Fiat 131 Abarth      4     2   01.53.58   00.01.23
4       4      10    Tognana - Cresto            Fiat 131 Abarth      4     2   01.55.04   00.02.29
5       5       9     Ceccato - De Antoni        Fiat 131 Abarth      4     2   01.56.39   00.04.04
6       6      42    «Sam» - Pirollo               Porsche 911 SC      4     3   01.57.21   00.04.46
7       7      38    Biasuzzi - Bonenti           Lancia Stratos        4     3   01.59.25   00.06.50
8       1      19    Carrotta - Amara             Opel Ascona            2     4   02.00.08   00.07.33
9       1       6     Presotto - Sghedoni         Ford Escort RS       1     5   02.02.04   00.09.29
10     2      80    Bentivogli - Valbonetti     Ford Escort            1     5   02.03.53   00.11.18
11     8      39    Gabriel - Fabion               Ferrari 308              4     3   02.04.12   00.11.37
12     3      15    Zordan - Dalla Benetta    Opel Kadett GTE     1     5   02.05.35   00.13.00
13     4      92    Boretti - Chiti                    Ford Escort             1     5   02.05.56   00.13.21
14     2     103   Ercolani - Zafferani           VW Golf                  2     4   02.06.25   00.13.50
15     9      43    Bernocchi - Chitarin          Opel Ascona 400    4     3   02.06.30   00.13.55
16     5      30    Ercolani - Baldacci            Ford Escort RS        1     5   02.07.17   00.14.42
17     6      77    Grassetto - Degan            Opel Ascona            1     5   02.07.53   00.15.18
18     7      83    Corà - Cazzaro                   Ford Escort RS       1      5   02.08.14   00.15.39
19    10     40    Recordati - Soffritti           Opel Ascona          4      3   02.08.40   00.16.05
20     8      79    Francia - Moncada             Opel Kadett           1      5   02.08.49   00.16.14



All'alba di domenica 20 luglio, dopo l'assistenza a Faenza e l'ultimo riordino a Castrocaro si riparte alle 05,05 per il secondo giro del secondo settore senza Pasetti – Spollon (erano 23° assoluti, 6° di Gr. 2) tradito definitivamente dalla frizione della sua Ritmo.

Sedicesima Prova: P.S. G1 MONTE DI RE   km. 8,400   ore 05,02

P AS  P GR  N°  EQUIPAGGIO                   AUTO                      GR  CL    PS 16            GAP
1       1       3     «Lucky» - Pons               Fiat 131 Abarth      4     2   00.05.23   00.00.00
1       2       7     Cunico - Meggiolan         Lancia Stratos        4     3   00.05.23   00.00.00
2       3      10    Tognana - Cresto             Fiat 131 Abarth     4     2   00.05.29   00.00.06
3       4       1     «Tony» - «Rudy»            Opel Ascona 400    4     3   00.05.30   00.00.07
4       5       9     Ceccato - De Antoni         Fiat 131 Abarth     4     2   00.05.34   00.00.11
5       6      42    «Sam» - Pirollo                Porsche 911 SC     4     3   00.05.35   00.00.12
6       1      21    Biasion - Siviero               Opel Ascona           2     4   00.05.43   00.00.20
7       7      38    Biasuzzi - Bonenti            Lancia Stratos        4     3   00.05.44   00.00.21
8       1       6     Presotto - Sghedoni         Ford Escort RS        1     5  00.05.48   00.00.25
9       8      39    Gabriel - Fabion                Ferrari 308             4     3   00.05.54   00.00.31

Ormai i fari di profondità non servono più. Siamo a 15 ore di gara senza sosta, ma la lotta è ancora molto aperta. Nelle prossime 3 prove si abbasseranno in modo rilevante i record personali di Cunico "Lucky" e Tognana. Solo "Tony" sembra aver tirato i remi in barca per controllare dall'alto la gara. In questa prova infatti vince Cunico (- 6" rispetto al giro precedente) che riesce a rosicchiare altri 7" a "Tony", il quale mantiene un margine di 56". "Lucky" migliora di ben 12" il suo tempo e firma insieme a Cunico la media assoluta più alta in prova speciale a 93,622 km/h. Biasion continua a vincere il gruppo 2 con tempi interessanti ( -9" rispetto al giro precedente) ma è ancora 26° e 7° di gruppo.

Diciassettesima Prova: P.S. H1 MONTE BUSCA   km12,600   ore 6,15

P AS  P GR  N°  EQUIPAGGIO                  AUTO                      GR  CL    PS 17           GAP
1       1       7     Cunico - Meggiolan         Lancia Stratos       4     3   00.08.24   00.00.00
2       2       3     «Lucky» - Pons                Fiat 131 Abarth     4     2   00.08.28   00.00.04
3       3       1     «Tony» - «Rudy»            Opel Ascona 400   4     3   00.08.34   00.00.10
4       4      10    Tognana - Cresto             Fiat 131 Abarth     4     2   00.08.38   00.00.14
5       5       9     Ceccato - De Antoni         Fiat 131 Abarth     4     2   00.08.54   00.00.30
6       6      42    «Sam» - Pirollo                Porsche 911 SC     4     3   00.09.05   00.00.41
6       7      38    Biasuzzi - Bonenti            Lancia Stratos       4     3   00.09.05   00.00.41
7       1      21    Biasion - Siviero               Opel Ascona          2     4   00.09.14   00.00.50
8       1       6     Presotto - Sghedoni         Ford Escort RS       1     5   00.09.17   00.00.53
8       8      39    Gabriel - Fabion                Ferrari 308            4     3   00.09.17   00.00.53

Cunico continua a vincere speciali portando il suo distacco a 46" dal leader "Tony", e  lasciando intravedere un finale al cardiopalmo. Sempre bella la gara di "Lucky" che con degli ottimi tempi (- 25" e 2" al km più veloce rispetto al passaggio precedente) rimane agganciato ai primi due. Dietro di lui, Ceccato, non può insidiargli la posizione perché è a 1'57". Ancora una beffa in gruppo 2: si ritirano Carrotta - Amara (8°assoluti) che in testa al gruppo 2 avevano un margine altissimo su Ercolani - Zafferani  (6'58") e potevano tranquillamente controllare la gara.


Diciottesima Prova: P.S. I1 S. MARIA IN CASTELLO   km. 9,600  ore 6,39

P AS  P GR  N°  EQUIPAGGIO                  AUTO                       GR  CL    PS 18         GAP
1       1       1     «Tony» - «Rudy»           Opel Ascona 400     4     3   00.06.44   00.00.00
2       2       3     «Lucky» - Pons               Fiat 131 Abarth       4     2   00.07.01   00.00.17
3       3      10    Tognana - Cresto            Fiat 131 Abarth       4     2   00.07.16   00.00.32
4       4       9     Ceccato - De Antoni        Fiat 131 Abarth       4     2   00.07.20   00.00.36
5       5      42    «Sam» - Pirollo               Porsche 911 SC       4     3   00.07.37   00.00.53
6       1       6     Presotto - Sghedoni        Ford Escort RS         1     5   00.07.39   00.00.55
7       1      21    Biasion - Siviero              Opel Ascona             2     4   00.07.42   00.00.58
8       6      38    Biasuzzi - Bonenti           Lancia Stratos          4     3   00.07.46   00.01.02
8       2      15    Zordan - Dalla Benetta   Opel Kadett GTE       1     5   00.07.46   00.01.02
9       3      80    Bentivogli - Valbonetti    Ford Escort               1     5   00.07.47   00.01.03

Colpo di scena!  Cunico si è fermato in prova a sostituire una gomma forata. Esce dalla prova con oltre sette minuti di distacco da "Tony", ed in questo modo dà l'addio alla sua furiosa rimonta (aveva rosicchiato 20 secondi nelle ultime 3 prove portandosi a - 46") precipitando al settimo posto della generale. "Tony" ora con solo 2 prove da effettuare può tranquillamente tirare i remi in barca perché Lucky, è a 1'27". Biasion continua a vincere il gruppo 2 ed a scalare la classifica. Ora è 5° ed ha nel mirino 3 equipaggi molto vicini: Bernardini - Ricciardi  a 20", Moro – Benton a 24" e Curati - Castiglione a 32".


Diciannovesima Prova: P.S. L1 MONTE COLOMBO   km. 11,000   ore 07,06

P AS  P GR  N°  EQUIPAGGIO                   AUTO                     GR  CL    PS 19            GAP
1       1      42    «Sam» - Pirollo               Porsche 911 SC      4     3   00.08.11   00.00.00
1       2       7     Cunico - Meggiolan         Lancia Stratos        4     3   00.08.11   00.00.00
2       3       3     «Lucky» - Pons               Fiat 131 Abarth      4     2   00.08.13   00.00.02
2       4      10    Tognana - Cresto            Fiat 131 Abarth      4     2   00.08.13   00.00.02
3       5       9     Ceccato - De Antoni        Fiat 131 Abarth      4     2   00.08.18   00.00.07
4       6       1     «Tony» - «Rudy»            Opel Ascona 400    4     3   00.08.23   00.00.12
5       1      21    Biasion - Siviero              Opel Ascona            2     4   00.08.30   00.00.19
6       7      38    Biasuzzi - Bonenti           Lancia Stratos         4     3   00.08.40   00.00.29
7       1       6     Presotto - Sghedoni        Ford Escort RS         1     5   00.08.45   00.00.34
8       2      15    Zordan - Dalla Benetta   Opel Kadett GTE      1     5   00.08.49   00.00.38

Nonostante la beffa della prova precedente, Cunico mantiene concentrazione e rabbia  vincendo anche in questa penultima speciale con lo stesso tempo del giro precedente. E' la conferma che il pilota si trova a proprio agio su queste strade con la sua Stratos. Stesso tempo anche di Sam - Pirollo che abbassa il suo record di ben 22" e si aggiudica l'unica ps della gara. "Tony" con il sesto tempo conferma di voler controllare la corsa senza strafare. Come previsto Biasion in un colpo solo risale in 2° posizione di gruppo scavalcando i 3 equipaggi che lo precedevano. Ora è 20° nell'assoluta.

Ventesima Prova: P.S. M1   MONTE TREBBIO   km. 11,850   ore 07,52  

P AS  P GR  N°  EQUIPAGGIO                  AUTO                      GR  CL     PS 20           GAP
1       1       7     Cunico - Meggiolan        Lancia Stratos         4     3   00.07.43   00.00.00
2       2      42    «Sam» - Pirollo              Porsche 911 SC       4     3   00.07.49   00.00.06
3       3      38    Biasuzzi - Bonenti          Lancia Stratos         4     3   00.07.54   00.00.11
4       1      21    Biasion - Siviero             Opel Ascona             2     4   00.08.02   00.00.19
5       4       1     «Tony» - «Rudy»           Opel Ascona 400     4     3   00.08.10   00.00.27
5       5       3     «Lucky» - Pons               Fiat 131 Abarth       4     2   00.08.10   00.00.27
6       6      10    Tognana - Cresto            Fiat 131 Abarth       4     2   00.08.11   00.00.28
7       1       6     Presotto - Sghedoni        Ford Escort RS        1     5   00.08.17   00.00.34
8       7       9     Ceccato - De Antoni        Fiat 131 Abarth       4     2   00.08.18   00.00.35
9       8      39    Gabriel - Fabion              Ferrari 308               4     3   00.08.19   00.00.36

Termina così nella mattinata del 20 Luglio 1980 la 10° edizione del Rally Colline di Romagna -Trofeo Expansion, con  l'ultimo acuto di Cunico e con la beffa per Zordan - Dalla Benetta che non partono su questa prova . Erano 11° assoluti e 3°di gruppo 1.  

La gara verrà ricordata per la prima vittoria assoluta in Italia della Opel Ascona 400 Conrero; per  la spettacolare rimonta di  Cerrato - Guizzardi (3 ps vinte), dopo la sfortunata foratura sulla prima Ps vanificata da un banale guasto elettrico sulla 8°; per la sfortuna di Tabaton – Radaelli (8 Ps vinte) ritirarsi dopo aver dominato 2/3 di gara; per la rimonta di Cunico - Meggiolan (5 Ps vinte) nella seconda parte di gara vanificata da una foratura a 3 prove dal termine: per il passo regolare e attento di "Lucky"-Pons  (2 Ps vinte), capace di guadagnarsi un meritato 2° posto assoluto; e per la vittoria di "Tony"-"Rudy" che rimasto sempre in agguato (solo 3 ps vinte ma 9 volte 2°) riusciva così ad iscrivere il proprio nome per la seconda volta nell' ALBO D'ORO  della manifestazione romagnola.
8° assoluti e 1° di gruppo 1 Presotto - Sghedoni seguiti dall'ottimo 9° posto dell'equipaggio di casa Bentivogli-Vabonetti.  In gruppo 2  Ercolani – Zafferani con la Golf Gti si ritrovano la vittoria in tasca dopo le disavventure di Noberasco, Carrotta, Biasion.
La Stratos vince con ampio margine la classifica delle Ps vinte: 13. Segue la Opel con 6. Solo 2 le vittorie della Fiat 131, nonostante la maggior presenza di equipaggi su questa vettura. Una vittoria sola per la Porsche.


La Classifica dei primi 10 assoluti
:

P AS  P GR  N°  EQUIPAGGIO                   AUTO                     GR  CL     PS 21           GAP
1       1       1     «Tony» - «Rudy»           Opel Ascona 400     4    3   02.29.56   00.00.00
2       2       3     «Lucky» - Pons               Fiat 131 Abarth       4    2   02.31.13   00.01.17
3       3      10     Tognana - Cresto           Fiat 131 Abarth       4    2   02.32.51   00.02.55
4       4       9      Ceccato - De Antoni       Fiat 131 Abarth       4    2   02.35.03   00.05.07
5       5      42     «Sam» - Pirollo              Porsche 911 SC       4    3   02.35.38   00.05.42
6       6       7      Cunico - Meggiolan         Lancia Stratos.       4    3   02.37.58   00.08.02
7       7      38     Biasuzzi - Bonenti           Lancia Stratos        4    3   02.38.34   00.08.38
8       1       6      Presotto - Sghedoni        Ford Escort RS        1    5   02.41.50   00.11.54
9       2      80     Bentivogli - Valbonetti    Ford Escort             1    5   02.44.23   00.14.27
10     8      39     Gabriel - Fabion               Ferrari 308             4    3   02.44.32   00.14.36

Potete vedere  qui la  CLASSIFICA FINALE UFFICIALE e qui le  CLASSIFICHE DI GRUPPO E CLASSE
invece qui potete vedere la CLASSIFICA FINALE e varie STATISTICHE elaborate da Marco.



Anche questa edizione del Colline di Romagna era valevole per il Campionato Autobianchi Abarth A112 HP. La gara riprendeva le prove del primo settore con 10 Ps per un totale di 109,5 km.  Partite 55 vetture, alle ore 16.24  ne arriveranno al traguardo 37. Potete vedere qui l'ELENCO PARTENTI.
Il vincitore, come da pronostico, è stato Cinotto in coppia con Mussa. Vincendo subito la prima Ps con un margine di 3" su Corredig – Zugliano, ha mantenuto sempre la testa della gara, aggiudicandosi 5 prove speciali su dieci. Secondi Caneva-Roggia a soli 12" di distacco ( vincitori di 3 Ps) hanno tentato di insidiare la leadership a Cinotto ma i loro tempi in prova sono risultati molto altalenanti. Terzi Pelli-Mariani e quarti Zini – Zangrando che hanno migloirato le loro prestazioni solo dopo metà gara. Sfortuna per Lago – Francone che si stavano comportando molto bene, mantenendo la 3° posizione fino al ritiro a metà gara a causa della rottura della frizione.

La Classifica dei primi 10 assoluti del Trofeo A112 Abarth:

POS  N  EQUIPAGGIO               SCUDERIA            TEMPO      GAP         MEDIA
1    201  Cinotto - Mussa          ----------             01.29.54   00.00.00   73,08
2    202  Caneva - Roggia         Jolly Club            01.30.06   00.00.12   72,92
3    213  Pelli - Mariani             Jolly Club            01.30.40   00.00.46   72,46
4    223  Spongia – Pagliaga    Piave Jolly Club  01.30.49   00.00.55   72,34
5    205  Zini - Zangrando        Jolly Club            01.30.50     00.00.56   72,33
6    203  Giammarini- Bertola  Grifone Sias        01.31.07   00.01.13   72,11
7    254  Corredig -  Zugliano    ----------             01.31.21   00.01.27   71,92
8    221  Paganessi - Amati       ----------             01.31.26   00.01.32   71,86
9    208  Perona - Risso            Grifone Sias        001.31.27   00.01.33   71,84
10  224  Moretti - Cecchini        ----------              01.31.33   00.01.39   71,76

Potete vedere qui  la CLASSIFICA UFFICIALE  


                                                                                                          *spunti di cronaca tratti da "Autosprint" e dalla memoria di chi scrive

 
2012 rallycollinediromagna.it by U.R. & M.L.C. - Tutti i diritti riservati - email: info@rallycollinediromagna.it
Torna ai contenuti | Torna al menu